Top

Dina Nirvana Carinci

LA “LISTA” DI MENNA: CARINCI (CANDIDATA SINDACO VASTO), “DOVE SONO STATI SPESI 60 MILIONI NELLE OPERE PUBBLICHE?”

Vasto, Marzo 2021

“Il Sindaco Menna, non soddisfatto per aver tappezzato la Città con manifesti in tricolore che rivendicavano a merito della sua Amministrazione 60 milioni di opere pubbliche, ha diffuso una lista di opere e di finanziamenti che, se lui avesse aggiunto il nuovo ospedale e l’arretramento della statale 16, sarebbe arrivata facilmente a 200 milioni. Partiamo comunque dai suoi 60 milioni e cominciamo a sottrarre i 15 milioni del collegamento del Porto con la stazione ferroviaria, visto che il master plan della Regione è stato approvato nel 2015, ben prima della sua nomina a Sindaco. E siamo a 45 milioni. Gli 8 milioni rivendicati per la banda larga rientrano in una strategia di livello nazionale e non sono di certo rivendicabili come meriti della Giunta, così come gli 8 milioni per la ristrutturazione della Stazione Vasto-San Salvo, stanziati nell’ambito di un progetto nazionale. All’epoca il merito fu anzi rivendicato dalla Sindaca di San Salvo. E scendiamo a 29 milioni. Poi ci sono i 2 milioni di efficientamento idrico e riduzione delle perdite, lavori a carico della SASI, doverosi e attesi da tempo a causa delle ben note crisi idriche. E scendiamo a 27 milioni. Il potenziamento del depuratore di Punta Penna richiede altri 5 milioni, ovviamente a carico della SASI che ha il dovere di non inquinare il mare. E scendiamo a 22 milioni. La bonifica delle ex discariche Vallone Maltempo e Lota è stata finanziata dalla Regione nel 2015, per 4 milioni di euro, quando Menna non era ancora Sindaco. Facciamo scendere un pietoso velo sulla gestione del Comune che ha portato al Commissariamento nel 2017, quando Menna era Sindaco, e con la bonifica ancora incompiuta. E scendiamo a 18 milioni. Il progetto dell’isola ecologica risale al 2015, quando Menna non era ancora Sindaco. E scendiamo a 17.700.000 euro. Anche qui un pietoso velo di silenzio per un’opera ancora incompiuta dopo anni e anni di attesa. Il Faro di Vasto appartiene alla Marina Militare che ne ha proposto e ottenuto la ristrutturazione con una spesa di 900 mila euro. E scendiamo a 16.800.000 euro. Il dragaggio del Porto rientra nelle opere di manutenzione a carico della Regione e viene periodicamente realizzato negli anni, secondo necessità. Costo previsto un milione e 900 mila euro. E scendiamo a 14.900.000 mila euro. Senza entrare in ulteriori dettagli possiamo concludere che la Giunta Menna nei 4 anni di attività dal 2017 al 2020 ha portato avanti progetti per soli 15 milioni, meno di 4 milioni l’anno. E i cittadini di Vasto se ne sono accorti, vista la mancanza di nuove opere che non si esauriscano in manutenzioni ordinarie o straordinarie, anche queste abbondantemente insoddisfacenti. Il Comune in questi 4 anni ha incassato in conto capitale 13 milioni di euro, ma di questi ben 4,8 milioni provengono da dismissioni, quindi dal patrimonio comunale, 4,7 milioni provengono dai permessi a costruire e soltanto 3,5 milioni da enti statali, regionali e provinciali. Poco, molto poco per un Sindaco “intercettatore” che, di fronte all’inerzia della sua Amministrazione, si aiuta con le parole. Ma la politica, soprattutto la cattiva politica, è anche questo...parole, parole, parole!”

- È quanto ha dichiarato, Dina Nirvana Carinci, Candidata Sindaco a Vasto.